Gennaro Lopez *

 

Non ostante e a dispetto di tutto quanto accade intorno a noi (ed è davvero tanto, quello che accade), sia pure controcorrente, questa associazione continua ad esistere e a resistere, pur immersa nelle mille solitudini della sinistra, ma con una finalità che dà senso al nostro esserci: lavorare sulla memoria per ricavarne elementi di critica del presente e individuare un possibile orizzonte per il futuro, per una … futura umanità.

 

Julián Isaías Rodríguez Díaz

(ambasciatore della Repubblica bolivariana del Venezuela in Italia)

 

  1. Il mandato presidenziale che inizia oggi, con l'insediamento del presidente Nicolás Maduro Moros, è il risultato della scelta espressa dalla maggioranza del popolo con le elezioni del 20 maggio 2018.
  1. Vi hanno preso parte 9.389.056 elettori. 5.823.728 venezuelani hanno votato per il presidente Maduro (67,8% dei voti espressi). Alle elezioni hanno partecipato quattro candidati in rappresentanza di oltre 50 partiti politici e movimenti.
  1. Un settore dell'opposizione venezuelana non ha partecipato alle elezioni con l'obiettivo di delegittimare il risultato e, nonostante ciò, il processo si è svolto in un clima civile e pacifico. Tra gli astenuti la maggioranza era rappresentata dai partiti che si raggruppavano nella MUD (Mesa de la Unidad Democrática) alleanza dell'opposizione che si è poi estinta dopo i successivi fallimenti.

 

Marco Paciotti *

 

Lo sbocco imperialista del modo di produzione capitalistico in crisi, cui è connaturato un latente stato di tensione nei rapporti internazionali tra Stati in competizione tra loro per la conquista di sempre più vaste fette di mercato, è parte integrante del patrimonio teorico del comunismo sin dal celebre scritto di Lenin Imperialismo fase suprema del capitalismo, pubblicato nel 1917. Ebbene l’analisi e la critica dell’imperialismo e la lotta per la pace risultano di scottante attualità per chi intenda osservare con sguardo attento la politica internazionale.

 

Paolo Ciofi*

 

Ogni qual volta il capitalismo entra in crisi - e ciò si verifica sempre più frequentemente, fino a diventare uno stato permanente - Carlo Marx, dato per morto e sepolto, regolarmente ricompare e oggi il suo spettro aleggia di nuovo in Europa e nel mondo. Al punto tale che Time, settimanale americano con svariati milioni di lettori, è arrivato a scrivere che «Marx aveva ragione». E l’Economist, caposcuola britannico del pensiero liberale, ha affermato di recente che «la principale ragione per cui Marx continua a suscitare interesse è che le sue idee sono più pertinenti oggi di quanto non lo siano state negli ultimi decenni».

Toogle Right

Condividi

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.