Rodrigo Rivas

 

Rodrigo Rivas è un intellettuale cileno che da neolaureato ha collaborato con il Governo di Unidad Popular presieduto da Salvador Allende. Dopo il cruento golpe di Pinochet dell'11 settembre 1973, braccato, come molti altri attivisti politici, sindacali e semplici sostenitori della sinistra dagli sgherri del golpista, è riparato, insieme a molti altri, nell'ambasciata italiana, dalla quale grazie all'impegno diplomatico è riuscito a raggiungere l'Italia e ad ottenere l'asilo politico e a rifarsi una vita. Nel nostro paese ha fornito, e continua a farlo ormai alla soglia dei 70 anni splendidamente portati, un importante contributo alla crescita culturale e alla formazione di varie generazioni di giovani che hanno studiato i suoi numerosi libri e hanno beneficiato delle sue lezioni.

 

Benedetto Vecchi

(da "il manifesto", 3.9.2019)

 

Con la sua morte scompare uno dei nomi più noti di un ristretto ma agguerrito gruppo di studiosi compositi – economisti, etnografi, sociologi, antropologi – che tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta del Novecento innovarono profondamente l’analisi marxiana del capitalismo mondiale. Oltre a lui, c’erano Giovanni Arrighi, André Gunder-Frank, Samir Amin. Ma Immanuel Wallerstein aveva già alle spalle analisi e riflessioni su un mondo uscito dalla seconda guerra mondiale profondamente trasformato.

 Guglielmo Forges Davanzati[1]

 

Questa nota si propone di (i) dar conto di alcune fallacie delle teorie sovraniste (ovvero del complesso di elaborazioni teoriche che imputano la crisi economica italiana all’adozione dell’euro e che invocano il ritorno alla valuta nazionale); (ii) evidenziare come, sebbene spesso implicitamente e forse inconsapevolmente, queste teorie siano funzionali a un progetto di secessione del Paese, da attuare mediante il trasferimento di risorse e di competenze legislative ad alcune Regioni del Nord. In quanto segue, per ragioni di spazio, non si farà distinzione fra le versioni ‘di sinistra’ e di ‘destra’ del sovranismo: data la prevalenza, in questa fase storica, della seconda versione, l’argomentazione che segue è sostanzialmente riferita a questa.

 

Fosco Giannini

 

Il mondo intero, in questi giorni, parla dei fatti di Hong Kong. Ma che cosa sta accadendo nella famosa città posta sulla costa meridionale della Cina, tra il fiume delle Perle e il Mar Cinese Meridionale? Per la stragrande maggioranza dei media occidentali, fortemente condizionati dal potere politico, economico e ideologico britannico, nordamericano ed europeo e sulla scia di un colonialismo più che mai vivo, sta accadendo che un vasto movimento della città stia tentando di “costruire la democrazia”. Mentre la visione degli attuali fatti di Hong Kong, nella lettura dei media dei Paesi antimperialisti, socialisti o in via di liberazione dall’egemonia imperialista mondiale, racconta un’altra e completamente diversa storia: quella dell’ennesimo tentativo volto ad attaccare l’unità della Cina e volto al ripristino, attraverso la violenza, del potere coloniale.

 

Nunzia Augeri

 

Corso Concordia è un ampio viale del centro di Milano: all’angolo con viale Piave si trova il Convento dei Cappuccini, diventato famoso dal 1898 per la strage di manifestanti perpetrata dal generale Bava Beccaris. Di fronte si allineano alcuni edifici dalle facciate severe, chiuse in una loro composta dignità: in uno di questi aveva il proprio quartier generale – abitazione e ufficio – Luigi Pestalozza: partigiano, marxista, musicologo e giurista, era stato uno dei molti intellettuali che nel 1987 aveva risposto all’appello lanciato da Armando Cossutta per fondare una Associazione Culturale Marxista che arginasse la pericolosa deriva che si profilava nel Partito comunista italiano.

 

Angelo Baracca

 

Sappiamo bene quanto gli Stati Uniti abbiano a cuore le condizioni dei popoli del mondo, proprio per questo scopo hanno impiantato più di mille basi militari all’estero per esportare la democrazia e difendere i diritti umani, ma profilandosi un ennesimo golpe umanitario in Venezuela può essere utile un breve promemoria. Un breviario che sarà – per forza di cose e per le mie limitate conoscenze – incompleto, e anche un po’ sconclusionato (e non sono in grado di garantire la completa fedeltà storica).

 

Enzo Traverso 

(da: "il manifesto", 25 aprile 2019)

 

Le nuove destre radicali sono oggi ben rappresentate in tutti i paesi dell’Unione Europe e occupano posizioni di governo in otto di essi. Le eccezioni spagnola e tedesca sono cadute. Dopo l’elezione di Trump e Bolsonaro, il fenomeno ha assunto dimensioni globali. Il mondo non aveva conosciuto nulla di simile dopo gli anni trenta e ciò risveglia la memoria del fascismo. Una domanda sorge quindi spontanea: cosa ci insegna il passato per capire quel che sta avvenendo sotto i nostri occhi? Non tutto, ma forse qualcosa.

 
Julián Isaías Rodríguez Díaz
 
Buon pomeriggio compagni della solidarietà, vi trasmetto l’abbraccio caloroso e fraterno del popolo venezuelano e del governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela.
Buona giornata internazionale dei lavoratori. Non voglio essere ipocrita e dire "felice giornata dei lavoratori". 
“Ci sono due cose che sono infinite: l'universo e la stupidità umana”.  Questa frase è di Einstein. Ieri, in Venezuela, è stata mostrata la seconda di queste due cose infinite: all’alba c’è stato un tentativo di Colpo di Stato.
Questo è il quinto tentativo di rovesciare il governo venezuelano dal 2013. Nel 2002 ebbero successo. Il colpo di stato riuscì. E fu il più breve del mondo: durò esattamente 47 ore, poi il popolo si riunì e lo dissolse.
Toogle Right

Condividi

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.